ANAMORFOSI CATOTTRICHE: cono (punto di vista proprio non appartenente all’asse)

La superficie riflettente del cono di vertice V genera una corrispondenza tra i punti P interni al triangolo per l’asse e i punti Q del piano di base.

Studiando questa corrispondenza è possibile determinare quale figura F’ deve essere disegnata sul piano di base (nella regione esterna al cono) affinché un osservatore posto in O ne raccolga, all’interno del triangolo per l’asse,una immagine virtuale F prefissata.

Osservazione: solo se si guarda attraverso l’oculare (situato in O) l’immagine virtuale F coincide con quella utilizzata per eseguire i calcoli.

Esplora la macchina